venerdì 23 luglio 2010

Ennesima grandinata


Alle diciotto ora locale, si e` scatenato l'inferno. Me ne stavo li in baracca col mefistofelico cane nero. Guardavo il mio lavoro andare in pezzi. Senza poter far nulla.

Seconda grandinata della stagione. Se ne poteva fare benissimo a meno. Ma non sono io che decido purtroppo. L'unica che mi rimane e` imprecare. E dio solo sa se non ho imprecato nel chiuso della baracca.

Vento forte, chicchi grossi come noci, e acqua senza freni. Era un mese esatto che non pioveva. Sono arrivati gli arretrati e gli interessi composti. Le zucche non state spazzate via. La frutta ancora sugli alberi e` stata sbattuta a terra.

Gli zucchini sono stati rivoltati. I pomodori sono stati mezzo salvati dalla rete anti-grandine. Finche` anche la rete anti-grandine e` volata via. Habanero tritati. Morale in pezzi.

Nonostante tutto domani e` un altro giorno. Tutto da rifare. Conta dei danni. E pezze a volonta` per cercare di ritrovare un barlume di normalita`.





.

Se ti piace quello che scrivo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog! Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

9 commenti:

blogredire ha detto...

Porca miseria che casino!mi dispiace tantissimo,la cosa più brutta è che puoi solo a stare a guardare senza poter fare nulla,ne so qualcosa anch'io purtroppo.
Dai che forse non è brutto come pensavi.Ciao.

Emilio Andena ha detto...

Ieri ho passato la serata a guardare le nuvole passare senza scaricare nemmeno una goccia d'acqua, alla fine mi sono arreso e, per l'ennesima notte, ho irrigato il mais. Leggendo il tuo post mi sono accorto che le mie imprecazioni erano fuori posto.
Ciao.

DonPedro ha detto...

Coraggio TroppoBarba. Purtroppo succede e forse qualcosa riesci a salvare. Prova a usare il rame sui pomodori per sanare le ferite.
Da noi ieri son caduti 5o mm di acqua, ma grazie al cielo niente grandine

Anonimo ha detto...

forza e coraggio! oggi è un altro giorno. Maria

mascalzone ha detto...

Mamma che dolore, io è tutto il giorno che impazzisco solo per il vento, immaggino te nel vedere il campo in quelle condizioni, è un morire. Mi dispiace tantissimo ma non possiamo farci niente quando madre natura decide di strapazzarci, cosa dire, rimedia il rimediabile e domani è un altro giorno e si vedrà. Ciao caro

stracaganassa ha detto...

Destini comuni in questo periodo dell'anno. Da me non ha piovuto ma il vento ha sradicato due alberi da frutto (prugne)e il pero, che quest'anno abbonda di frutti, è tristemente piegato di lato.
I kiwi e gli zucchini sono aggrovigliati allo stesso modo.
Le zucche, già grossette, sono state scaraventate a terra, speriamo resistano. Le piante di ciliegine...hanno perso le cigliegine.
Coraggio, chissà che nei prossimi giorni tu scopra che è "meno peggio" di quanto pensavi.

TroppoBarba ha detto...

@ Tutti

Grazie di cuore a tutti. Avevo veramente bisogno di qualche parola di conforto. Oggi ho fatto la stima dei danni. Il giorno dopo sembra sempre meno peggio. Gli alberi da frutto hanno sofferto. Azzerate le ultime prugne bianche. Dimezzate le prugne nere e le pere. Quasi tutte le pesche. Gli ortaggi se la sono cavata tutto sommato bene. Il peggio l'hanno visto le zucche. Temo per la produzione 2010. Arrivero` alle solite 50? Boh? Vedremo.

* ha detto...

ciao troppobarba..sono molto triste anch'io per il nefasto destino che stavolta ci ha accomunato e comprendo benissimo il tuo stato d'animo! :_(
venerdì sera ero col mio furgone più o meno dalle tue parti (lago di Endine) io nella bufera mi ci son trovata in viaggio, circondata da un'atmosfera da uragano!! e col pensiero al mio orticello con ancora l'effimera speranza che tutta quella furia distruttiva non arrivasse anche lì..invece è arrivata eccome!! non sto neanche a descriverti quello che ho trovato domenica sera al mio rientro..mi sono rimboccata le maniche e ho provato a salvare il salvabile...e ora si vedrà..
Facciamoci coraggio dai

TroppoBarba ha detto...

@ follettina

Mal comune... tanti danni.

Non preoccuparti vedrai che le tue verdure sapranno stupirti. Basta un po' di sole, che guarisce tutti i mali.

Posta un commento