venerdì 3 giugno 2011

Parliamo d'innesti


Dopo i fallimentari tentativi con l'innesto per approssimazione, ho deciso di tentare una nuova strada. Grazie allo spiegone di Enzo, mi sono cimentato nell'innesto a spacco. E con questo post si chiude la mia personale trilogia sul "Parliamo di".

Ecco come si esegue. Alla zucca si fa un taglio verticale. All'anguria di tagliano le radici e si incide il gambo a formare una freccia. Si incastra l'anguria nel taglio fatto alla zucca e si tiene unito il tutto con una molletta per innesti.

La piantina va tenuta sotto un tunnel con umita` e temperatura controllati. Dopo dieci  giorni se tutto e` andato bene la piantina puo` essere messa a dimora. Sembra abbastanza semplice. Ma entrano in gioco alcuni fattori atipici.

L'operazione va effettuata da gente competente. Qui invece ci sono io che faccio e disfo. Non ho la molletta per innesti e mi sono arrangiato come al solito col filo per cucire.

Strano a dirsi ma non ho nemmeno un tunnel con umita` e temperatura controllati. E penso che ormai sono uno dei pochi a cui manca. Come surrogato ho usato i sacchetti per il freezer. Per avere una parvenza di controllo sull'umidita`, vanno tolti una volta al giorno.


Il tocco finale, un sottovaso che va lasciato sempre con un centimetro di acqua. E adesso potete partire con le risate. Sono proprio messo male. Ecco quello che succede quando una simpatica idea diventa un'ossessione. Ridate molto e ridete adesso perche` se dovesse capitare che funziona...


.

Se ti piace quello che scrivo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog! Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

14 commenti:

blogredire ha detto...

Io non rido,mi sbellico,scherzo,da incompetente dichiarato,a cosa serve mantenere l'umidità?
Dai,se va bene l'anno prossimo ci provo anch'io,Ciao.

Emilio Andena ha detto...

Buona fortuna....se funziona seguiremo il nuovo protocollo.

kermitilrospo ha detto...

ottimismo: funzionerà!!

Anonimo ha detto...

Ciao troppo b. scusami forse non vedo bene la foto delle 3 piantine,comunque il sottovaso deve essere incluso nel sacchetto praticamente la chiusura avverrà da sopra.
ciao Enzo.

Harlock ha detto...

Stavo giusto pensando se fare il post sull'innesto dell'anguria :)

Il 7 maggio ho fatto cinque innesti con il metodo del taglio trasversale, sono stato fortunato, ma non ti dico quanti innesti hanno preso ;)

TroppoBarba ha detto...

@ Blogredire

Ridi pure, no problem. Credo che l'umida` serve per non far seccare il punto dell'innesto. Visto che l'anguria non ha piu` le radici e deve da subito bere dalla zucca.

@ Emilio Andena

Spero che funzioni. Per ora sembra di si. Sembra. Per ora.

@ kermitilrospo

Io ci credo. :-)

@ Enzo

Ecco lo sapevo che non poteva filare tutto liscio. Il sotto vaso e` uno per tutte e tre le piantine. Quello rettangolare che vedi nella foto. Se non ho capito male ne devo mettere uno per ogni pianta e includerlo nel sacchetto. Esatto?

@ Harlock

Ma non ti eri ritirato dalla competizione? Aspetto il post con ansia. E ricorda di mettere le foto.

Anonimo ha detto...

si esatto,,,e come tutte le cose man mano che si va avanti si fanno esperienze,qualche piantina si e marcita,e allora ho pensato di mettere dei sassolini nel sottovaso affinche non assorbe l'acqua nel terreno,ma tiene l'umidità nel sacchetto-
approfitto x dirti che io sto alla ricerca di un cicatrizzante naturale, quello che si usa x gli alberi non mi sembra molto indicato se hai qualche idea !
aumenterebbero le possibilita di attecchimento,senza del suddetto ci sono piu possibilita di infezioni..
ciao Enzo.

Novelinadelorto ha detto...

Vedrai che stavolta andra benone devi solo crederci...:D

TroppoBarba ha detto...

@ Enzo

Il tempo piovoso di questi giorni dovrebbe aiutare. Vedro` di fare qualche modifica domani. Per il cicatrizzante butto li una miscela di cera e propoli. Sai com'e` ho in mente solo api in questo periodo. ;-)

@ Novelinadelorto

Se bastasse solo crederci, sai quante cose sarebbero diverse. Comunque grazie, apprezzo l'incoraggiamento.

Irene ha detto...

finisco il tuo post.
...se dovesse capitare che funziona, avresti un gran culo.
Stai incrociando le dita?
Ciao Irene

Anonimo ha detto...

ciao che bellissima idea,,,cera e propoli,io non ci avrei mai pensato perche pensavo sempre a qualche intruglio ricavato dalle piante oppure pensavo agli alberi che emmettono la resina(non so se si dice cosi)-
ciao a dopo Enzo.

TroppoBarba ha detto...

@ Irene

Senza culo non si vive. :-) Con le dita incrociate non riesco a strappare le erbacce. ;-)

@ Enzo

Dovresti trovare un modo per renderla un po' piu` fluida. Altrimenti sara` assai scomoda da applicare. Lo dico piano, mi pare che gli innesti tengano.

ernestofaiprestoconlinnesto ha detto...

io so che le mollette x innesti e difficile trovarle ,ci sono ,ma le fanno solo per le aziende che producono grosse quantità di innesti!,io ho usato una molletta normale! naturalmente il fusticino deve passare dentro al bubo della molletta ,cioè il diametro deve essere pressochè identico,e poi ho colato sopra qualche goccia di cera! per non seccare il nesto! senza usare il sachetto!

TroppoBarba ha detto...

@ ernestofaiprestoconlinnesto

Bellissimo nick. E grazie per le informazioni.

Posta un commento