lunedì 20 aprile 2009

Calma e sangue freddo

La settimana scorsa ho visto tutti i colleghi ortolani precipitarsi a piantare ogni sorta di verdura. Io ci vado coi piedi di piombo. Non mi fido. E infatti ecco che arriva pioggia e freddo. Qualcuno potrebbe anche pensare che porto male. ;^)

Ho visto gente che ha gia` messo le melanzane e i pomodori in terreno aperto. Non voglio fare il saputello, dico solo come la penso. E` troppo presto. Ai primi due o tre giorni di sole ci si fa prendere dalla voglia di semina. Li capisco, sono io il primo che ha una voglia matta di seminare.

Pero` ci vuole prudenza. Soprattuto per quelle piante che richiedono colore e luce adeguate. Io penso che sia preferibile aspettare ancora una settimana, o anche dieci giorni. I primi giorni nel terreno sono fondamentali per la pianta. Se parte male, cresce male.

Sono i capricci del tempo, non ci si puo` fare niente. L'unica e saperli interpretare e aspettare fino al momento giusto. Non e` facile. E` come in quei vecchi film dove il tenente ordina ai suoi uomini di non sparare finche` non si vede il bianco degli occhi del nemico. Snervante, ma alla fine ripaga.

Questo non vuol dire che non ho piantato niente. Ci sono gli spinaci, che ho seminato tre volte, grazie alla talpa. C'e` l'esperimento con gli zucchini, che sembra non andare poi cosi` male. Ci sono le carote, sotto al tessuto non tessuto. Le patate che spuntano come i funghi.

Ma i pomodori no. Quelli aspetto, voglio essere assolutamente sicuro. Sono il mio oro rosso. Quelli non li metto nel terreno finche` non vedo il bianco degli occhi.


.

Se ti piace quello che scrivo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog! Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Lo confesso, ho visto il mio vicino e preso dalla foga ho piantato i pomodori e me ne sono già pentito, però poi ho notato in giro per l'orto tante piantine nate spontaneamente e allora mi sono detto che non ho poi così sbagliato.
Per melanzane e peperoni invece niente storie, aspetto maggio!
Lorenzo

TroppoBarba ha detto...

Quelle piantine non e` che saranno erbacce? Per far crescere qualcosa ci devi mettere il sangue. Le erbacce crescono sempre e comunque. Infatti se imparassimo a mangiare quelle saremmo a cavallo. ;^)

l'ortolano improvvisato ha detto...

Nel mio orto salentino ho già messo 40 piante di pomodori e 20 di peperoni. In quello toscano ci vado più cauto.
La fretta è spesso nemica dell'arte.

Anonimo ha detto...

Beh, sono solo al secondo anno di orto ma ti posso assicurare che quella miriade di piantine nate sopra il cumulo del compost sono pomodori, garantito! Poi non saprei che ibridazioni avranno subito, magari ne lascio qualcuna tanto per vedere.
Lorenzo

TroppoBarba ha detto...

@l'ortolano improvvisatoCome fai a barcamenarti fra puglia e toscana? Pendolare dell'orticultura?

@LorenzoHai parlato di piantine, il sospetto era leggittimo. Scusa non volevo offenderti. Se mi mandi una foto la posto volentieri. Non penso che abbiano avuto ibridazioni di sorta. Aspetto smentite.

Ciao a tutti. :-)

l'ortolano improvvisato ha detto...

Sono spesso fuori sede per altre ragioni e mi diverto a giocare con i climi e la natura. In senso buono, ovviamente.

Posta un commento