martedì 22 febbraio 2011

Liberi tutti


Fra tutte le scelta la piu` stupida. Ho portato la talpa a qualche centinaio di metri dal campo e l'ho liberata. Non risolve il problema, non garantisce l'incolumita` della talpa.

Essere "buoni" e` un grandissimo svantaggio. I "cattivi" hanno la vita piu` facile. Solo nei fumetti i supereroi buoni vincono sempre. E mi pare di capire dal sondaggio che i lettori di questo blog sapevano bene che fine aveva fatto la talpa.

Il 54%, ovvero la maggioranza assoluta, ha scelto la terza opzione. Se posso andare un po' fuori dal tema di questo blog. E prometto che e` solo per stavolta. Ho uno domanda da fare. Sieti liberi di non rispondere.

Avete accordato la vostra simpatia alla talpa, concedendogli la liberta`. Ma come vi comportate con gli altri animali. Magari quelli che vi fanno da pasto ogni giorno?


.

Se ti piace quello che scrivo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog! Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

10 commenti:

Emilio Andena ha detto...

Sono un cattivo! nell'orto non esito ad uccidere gli animali che reputo dannosi, quindi lotta dura contro afidi, dorifore ecc.; massima protezione per gli animali utili come riccio, coccinelle e impollinatori vari. Per quanto riguarda gli animali da cortile allevati a scopo alimentare mi assumo il "duro compito" senza delegare ad altri l'uccisione. Non è un'operazione simpatica ma l'alternativa è quella di diventare vegetariano e questa, per il momento, non è la mia filosofia.

Serendipity ha detto...

bravo...è stata la scelta migliore!
la tua domanda è giustissima...tutti coccolano cani, gatti, uccellini, criceti, pesci rossi...e poi nel piatto ci mettono di tutto! per questo io ho deciso di non mangiare più animali! :-)
...certo, è anche vero che non posso sapere come sono state trattate le verdure che mangio...quanto mi piacerebbe avere un orto!

luby ha detto...

bella domanda!
io sono flexitariana da quando ho 16 anni,mangio "animali" 4 volte circa al mese ma da quando convivo...devo cucinarlo tutti i giorni per il mio compagno che invece è un carnivoro convinto.
ti posso dire che non è facile,spesso vengo anche presa in giro perchè utilizzo i guanti per toccare,tagliare la carne e/o pesce.
vorrei essere almeno vegetariana...forse un giorno riuscirò a fare questo bellissimo passo...speriamo.

detto da una ex pescatrice fidati che metterò tutto l'impegno possibile per fare questa scelta definitiva

che uccido io con le mie mani ora?
...sono solo le zanzare!!!!!!
dimmi che per quelle ho il permesso!!!!

semola ha detto...

Io la penso come Emilio, ma rispetto le scelte di chi decide di non mangiarne. Non di chi li uccide per sport e non l'ipocrisia di chi.. "Oddio non ucciderei mai un'animale!" ma lo compra al negozio dove diventa una "cosa".
Da bambino ero circondato da animali galline, anatre, conigli, porcellini d'india, fagiani, quaglie, agnelli, merli (anche 2 scimmie) che mio babbo allevava. Non si provava gioia nell'ucciderli (non le scimmie). E' difficile spiegare a parole. Ma quanti pseudo difensori della natura hanno mai visto nascere un agnello o una nidiata di piccoli coniglietti avvolti nel pelo che la mamma si è strappata per tenerli al caldo?

Sibia ha detto...

vegetariana da 14 anni tendente al vegano :)

ottima domanda comunque!!

Tiziana ha detto...

Vegetariana convinta, anche se per la vita, stressante, che conduco, mi capitano ricadute settimanali(1 alla settimana).
Sensi di colpa se sono proprio obbligata ad uccidere un insetto in casa.

.manu. ha detto...

Ciao! Io sono stata vegetariana per 5 anni in adolescenza (con un intermezzo di un anno di veganesimo)ma da una decina di anni credo di rientrare nella categoria flexitariana, ovvero cerco, semplicemente, di mangiare "bene"..carne (bianca o affettati "leggeri") una volta al mese circa e pesce due o tre..mi dicono che la mia sia la categoria peggiore (ex vegetariani) e forse è vero. Io ero semplicemente troppo fissata e stavo diventando scema con tutti i derivati animali che si trovano dappertutto, ad un certo punto ho detto STOP e sono tornata ad avere piacere nello sceglire il cibo che mangio. Mi affido a cascine che allevano bio e non intensivo per la carne, stessa cosa per il pesce quando è possibile (tramite il GAS)..non sarà mai la perfezione ma cerco di arrivare dove posso compatibilmente con le mie scelte. Talpe non credo ne avrò mai ma porto le lumachine dell'orto nel giardino del vicino ;) e coccolo un sacco il signor riccio!

Vera ha detto...

Chi mangia carne dovrebbe almeno una volta visitare un macello, prendere veramente coscienza dell’abbuso della vita altrui che l’occidente oppulente fa. Capire che la fettina asettica e senza sangue che sta comprando era un cuccuiolo che suggeva latte e muggiva a cui è stata recisa la giugulare e il cui sangue è colato nelle fogne.
Bisognerebbe rendersi conto che di questo animale noi sprechiamo la maggior parte rifiutandoci di usare musetto, pancia, zampette, frattaglie: noi vogliamo solo fettine e filetto, e via buttiamo il resto nelle scatolette per cani e uccidiamo un altro vitello…
Aiuterebbe a ripensare i propri consumi veder morire il nostro cibo. Chi scrive non è una vegetariana pura, occasionalmente mi capita di mangiare carne. Occasinalmente appunto, con parsimonia, e con un pensiero di gratitudine verso la vita sottratta, e che spesso mi è capitato diveder sottrarre.

Harlock ha detto...

La mia filosofia è che prima di tutto dobbiamo difendere la nostra specie, poi i nostri amici e per ultimo i nemici.
Non so se sono frexitariano, mangio carne comprata con il gruppo gas una volta alla settimana, il pesce non mi piace. Ho un "figlio" che si chiama Mirtillo, ho un nemico, che si chiama istrice... non lo voglio uccidere, ma qualche bastonata glie la darei.

TroppoBarba ha detto...

@ Tutti

Grazie a tutti quelli che hanno trovato il tempo per inviare un commento. La questione e` di quelle spinose. Ci sono parecchi punti da approfondire. Lasciatemi il tempo per metabolizzare il tutto e magari ne riparliamo.

Posta un commento