domenica 5 febbraio 2012

Lavori sospesi



Come da previsioni sono arrivati freddo e neve. Senza tirare in ballo le statistiche, mi pare che un freddo cosi` non sia facile da ricordare. Tutti i lavori all'aperto sono stati rimandati a data da destinarsi. A parte quello ingrato di spalare la neve.

Ed io che gia` pensavo ad una semina anticipata. Con la mente che viaggiava spedita a primavera. Se le previsioni risulteranno ancora esatte, questa coperta bianca rimarra` stesa per almeno una decina di giorni. Poi va anche aggiunto il tempo che servira` al terreno per asciugarsi e tornare in tempera.

Se tutto va bene si potra` fare qualcosa di concreto ad inizio marzo. Ammesso che questo febbraio non ci regali ancora qualche sorpresa. Qualcuno parla di altre nevicate, per sabato prossimo.

Che fare? Si porta a spasso il cane. Ma facendo bene attenzione a tornare prima che il sole sia calato. Ci si rintana al culduccio domestico. Si fa l'inventario dei semi messi da parte l'anno scorso. Si legge e si viaggia con la fantasia.

E un pensiero va sempre alle piccole amiche api. Fuori al freddo e al gelo. Strette nel loro glomere. Non posso fare altro che aspettare.


.

Se ti piace quello che scrivo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog! Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

17 commenti:

blogredire ha detto...

Qui da me niente neve ma fa un freddo cane,il terreno è un blocco di ghiaccio,volevo seminare un pò di spinaci ma la terra non è lavorabile,aspettiamo tempi migliori davanti alla stufa.

francesca ha detto...

Mio nonno diceva sempre che la neve fa bene alla terra......
Ciao francesca

luby ha detto...

io aspetto con una tazza di cioccolato caldo tra le mani,e guardo gli uccellini che mangiano sul mio balcone...
speriamo bene dai.

Vera ha detto...

Ma come Barba! niente manici di vanga da rifare, zappe da affilare, cesti da intrecciare, pannocchie da sgranare, arnie da costruire...
;-)
Ecco a cosa serve la copertina bianca.
Oltre che a rimanere rintanati sotto il piumino in compagnia per ritemprar lo spirito. (nobile opera)

P.S.
METTETE DEI SEMI SUI VOSTI BALCONI (briciole, pezzetti di burro..) in molti vi saranno grati.
(Personale campagna a favore dei volatili sevatici)

Harlock ha detto...

anche il mio pensiero va alle povere api che gia erano debolucce. Temo per la covata!

TroppoBarba ha detto...

@ Blogredire

Infatti.

@ Francesca

Fa bene alla terra, ma non a me. ;-)

@ Luby

Speriamo.

@ Vera

Con questo freddo non ho voglia di fare niente.

Ma si mangiano anche il burro i piccoli pennuti?

@ Harlock

Temo anche io. Questo freddo arriva in un momento critico. Le famiglie deboli potrebbero non farcela.

Dany ha detto...

Qualcuno dice "sotto la neve pane, sotto la pioggia fame"; attendibile o meno non si sa, intanto prepariamo le serre nell'attesa di temperature più miti!

p.s.: bellissimo il tuo blog, TroppoBarba! ;)

TroppoBarba ha detto...

@ Dany

Benvenuta :-)

Grazie, i complimenti (anche se immeritati) sono sempre ben accetti.

Anonimo ha detto...

ciao dal lontano sud,non c'è neve ma e abbastanza freddo,,,x l'innesto dell'anguria dopo il successo dell'anno scorso,ho deciso di cambiare il portainnesto,voglio innestare sulla zucca Atlantic Gigant,credo che il risultato sarà piu gigant---
saluti da Enzo-

TroppoBarba ha detto...

@ Enzo

Ottimo. Ovviamente anche io insistero` con l'innesto dell'anguria. Tieni aggiornato. Ciao.

PattyLoc ha detto...

Maestro TroppoBarba, mi puoi dire per favore quale tipo di pomodori hai usato per ottenere quel magnifico oro rosso? l'anno scorso ho seminato Cuore di bue, Montecarlo e Principe Borghese, ma nessuno dei tre era molto adatto per la salsa. Grazie!

mauri ha detto...

Fai bene a preoccuparti per tutto questo freddo, è proprio questo che crea problemi non la neve, il freddo rischia di far seccare molte piante da frutto e non, mentre per le api, brutto a dirsi ma si tratta di selezione naturale, non bisogna mai tenere alveari deboli, sono la rovina dell'apicultore.

TroppoBarba ha detto...

@ Pattyloc

Sono semi tramandati di generazione in generazione da almeno vent'anni. Ormai sono pomodori autoctoni. La varieta` di partenza era stata quasi sicuramente la "Roma". Il classico pomodoro da salsa.

@ Mauri

Hai perfettamente ragione. Sopratutto temo per le pesche. L'anno scorso ne ho perso un bel po' e non vorrei finire a bocca asciutta.

Per le api sono solo al secondo inverno. Ma ti confesso che ho imparato sulla mia pelle quanto sono vere le tue parole. Col senno di poi avrei fatto qualche riunione quest'autunno. Meglio meno alveari ma forti.

prestiti inpdap ha detto...

Io temo per le arancie, in spagna non c'è tanta neve ma il freddo è arrivato anche alle zone più calde per cui le arancie sono a rischio....non vorrei che si rovinasse tutto!!!!qui a Faenza, freddo, giacchio e neve.....non si gira e le mie piante sono tutte morte....una tragedia.
Sara M.

TroppoBarba ha detto...

@ Sara M.

Hai un agrumeto in spagna? Mi spiace per le tue piante. Vedrai che prima o poi la primavera arrivera`.

..althea officinalis.. ha detto...

che bello pensare all' orto che verrà. noi qui senza piu un soldo stiamo pensando di abbandonare tutto e tornare a sud. che vita difficile in questo momento. e fa freddo!! ciao barba buon riposo.. spero un giorno di avere anche io delle apette. chissà!

TroppoBarba ha detto...

@ ..althea officinalis..

Ti auguro il meglio. Ciao.

Posta un commento

Posta un commento